È primavera: è tempo di test

Ovvero: per i test d’ammissione alle facoltà a numero chiuso i tempi sono già maturi

Il numero chiuso è sempre più diffuso nelle università italiane. Per alcuni corsi la programmazione agli accessi è prevista a livello nazionale, per altri sono i singoli atenei a prevederla.

In ogni caso la limitazione delle iscrizioni rappresenta il primo scoglio per molti studenti.

Oltre alle date dei test per i corsi a numero chiuso con accesso programmato a livello nazionale, ogni anno il MIUR pubblica i decreti in cui sono specificati i programmi sui quali gli studenti devono prepararsi. Le discipline incluse spaziano da cultura generale e ragionamento logico a quelle attinenti al corso di interesse.

I decreti sono pubblicati con congruo anticipo, di solito proprio nel mese di marzo, (per alcune facoltà i giochi sono già fatti). Oltre ai programmi, contengono anche informazioni su modalità di svolgimento delle prove e criteri di valutazione.

E per i corsi a numero chiuso con programmazione a livello locale?

In questo caso occorre far riferimento ai bandi dei singoli atenei. Anche in questo caso i dettagli su date delle selezioni, numero delle immatricolazioni consentite, modalità e contenuti dei test d’ammissione sono resi noti con alcuni mesi di anticipo. Se non lo avete già fatto, occorre informarsi il prima possibile, quindi, è bene consultare immediatamente i siti web delle università. Sempre più atenei infatti , per evitare sovrapposizioni tra avvio delle lezioni e scorrimento delle graduatorie, ormai fissano le date dei test per i corsi a numero chiuso in primavera.

Tuttavia se raccogliere le informazioni corrette è fondamentale, prepararsi adeguatamente lo è ancora di più: per questo rivolgiti a Cepu.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *